Horizon 2020 è il nuovo Programma Quadro del sistema di finanziamento integrato destinato alle attività di ricerca della Commissione europea che riunisce in un unico Programma tre importanti iniziative comunitarie precedentemente separate: il Programma Quadro di Ricerca, le attività in materia di innovazione del Programma CIP (Programma Quadro per la Competitività e l’Innovazione) e l’Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia (EIT).

Il nuovo Programma sarà attivo dal 1° gennaio 2014 fino al 31 dicembre 2020, e supporterà l’UE nelle sfide globali fornendo a ricercatori e innovatori gli strumenti necessari alla realizzazione dei propri progetti e delle proprie idee. Horizon 2020 supporterà la ricerca di base e quella applicata con l’ambizione di creare innovazione, sviluppo sociale ed economico nell’arco temporale 2014-2020. Il budget stanziato per Horizon 2020 (compreso il programma per la ricerca nucleare Euratom) è di 78.6 miliardi di euro per il periodo di riferimento.

Horizon 2020 è strutturato in tre pilastri e diversi temi ad essi trasversali:

  1. Excellent Science

Questo pilastro mira a rafforzare l’eccellenza europea in ambito scientifico per consolidare lo Spazio Europeo della Ricerca (ERA) e rendere il sistema europeo di ricerca e innovazione maggiormente competitivo su scala globale. Gli obiettivi di questo pilastro sono:

  • sostenere le idee migliori e i ricercatori più promettenti e creativi e i loro team nello svolgere ricerche di frontiera (ERC);
  • finanziare gruppi di ricerca coinvolti in nuovi promettenti ambiti di innovazione, mediante il sostegno alle cosiddette tecnologie emergenti (FET);
  • offrire ai migliori ricercatori opportunità di formazione e di carriera mediante le azioni Marie Skłodowska-Curie;
  • garantire che l’Europa disponga di infrastrutture di ricerca (incluse le infrastrutture elettroniche di rete) di livello mondiale accessibili a tutti i ricercatori in Europa e nei paesi Terzi.
  1. Industrial leadership

Questa priorità ha l’obiettivo di creare una leadership industriale in un quadro di competitività che renda l’Europa un luogo più attraente per investire nella ricerca e nell’innovazione (con un focus particolare sulla green economy e la sostenibilità ambientale) attraverso le attività di accesso al credito e il sostegno agli investimenti in tecnologie industriali per favorire il potenziale di crescita delle industrie, con particolare riferimento alle piccole e medie imprese europee. Il pilastro Industrial Leadership verrà implementato attraverso:

  • azioni di sostegno allo sviluppo di tecnologie (KET – key enabling technologies) in settori chiave dell’innovazione quali: Information and Communication Technology, nanotecnologie, materiali avanzati, biotecnologie, sistemi avanzati di produzione;
  • accesso ai finanziamenti con capitale di rischio;
  • sostegno all’innovazione delle PMI.
  1. Societal challenges

La priorità “Societal challenges” risponde alle sfide identificate dalla strategia Europa 2020 e affronta temi di grande impatto socio-economico con l’obiettivo di stimolare la massa critica degli sforzi in ricerca e innovazione nella prospettiva di sviluppo socio-economico dell’Unione.

La natura e la complessità di queste sfide richiedono uno sforzo scientifico e tecnologico che necessita di una ricerca sempre più multi-disciplinare e orientata a soluzioni sostenibili nel lungo periodo. Le sfide sociali prioritarie identificate sono:

  • Salute, cambiamenti demografici e benessere;
  • Sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bio-economia;
  • Energia sicura, pulita ed efficiente;
  • Trasporto intelligente, non inquinante e integrato; interventi per il cambiamento climatico e uso efficiente delle risorse e delle materie prime Europa in un mondo che cambia: società più inclusive, innovative e sicure;
  • Società sicure: proteggere la libertà e la sicurezza dell’Europa e dei suoi cittadini.

 

Tematiche trasversali

Horizon 2020 include inoltre temi trasversali ai diversi pilastri :

Sviluppo sostenibile: i finanziamenti specifici per il clima e per l’efficienza sotto il profilo delle risorse saranno integrati agli altri obiettivi specifici. Il 60% della dotazione complessiva del Programma sarà dedicato ai vari aspetti dello sviluppo sostenibile e contribuirà al potenziamento degli obiettivi dell’Unione in tema di clima e ambiente.

Parità di genere: al fine di evitare un consolidato squilibrio nella partecipazione tra uomini e donne verrà promossa la parità di genere e verranno fornite nei programmi di lavoro precise indicazioni su come aumentare la partecipazione femminile al Programma;

Approccio business-oriented: integrazione dell’intera catena dell’innovazione, dalla ricerca di base al mercato, e promozione dell’utilizzo commerciale dei risultati della ricerca finanziata dal Programma;

Scienze sociali e umane: enfasi sulla multidisciplinarità e ruolo trasversale delle science umane e sociali riconosciute come fondamentali per favorire la leadership industriale e per affrontare le diverse sfide sociali del terzo pilastro;

Piccole e medie imprese: sono previste azioni concrete per le piccole e medie imprese (PMI) che potranno contare su uno stanziamento a loro specificamente destinato pari al 20% del budget totale;

Cooperazione internazionale con i paesi Terzi: avrà un ruolo strategico nell’ottica di valorizzare le eccellenze europee e di potenziare la capacità attrattiva del sistema scientifico e tecnologico europeo (http://www.attivitaeuropee.cnr.it/la-cooperazione-scientifica-con-i-paesi-terzi-horizon-2020);

Agenda digitale: sarà un tema trasversale e strategico di Horizon 2020, incluso nei tre pilastri con l’obiettivo di favorire una maggiore innovazione digitale e una crescita economica in armonia con le nuove tecnologie.

 

I Bandi aperti “Horizon2020″ sono consultabili sul Participant Portal, all’indirizzo:

http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/index.html